e-commerce è una grande opportunità… Ma?

Pubblicato il Pubblicato in Siti web E-commerce

L’e-commerce è una grande opportunità, ma manca chi lo sa fare

Nonostante i numeri incoraggianti, con solo il 4% delle imprese italiane che attualmente vendono online, risulta piuttosto chiaro che nel nostro Paese il settore del commercio elettronico non ha ancora dispiegato in pieno le sue potenzialità. E per farlo decollare, uno dei fattori imprescindibili è senza dubbio la formazione e l’apporto di professionisti qualificati che conoscano il funzionamento dell’intero processo: figure specializzate che, con l’affinarsi delle piattaforme virtuali e delle tecniche di marketing online, si sono andate negli anni delineando, fino a creare nuovi profili di professionisti del web.

La TAG Innovation School di Talent Garden –coworking campus attivo dal 2011, che aggrega più di500 talenti in 12 città da Milano a Tirana – ha deciso di raccogliere la sfida e di contribuire alla formazione di professionisti che sappiano come devono operare in questo settore in via di espansione. «Siamo stufi di vedere giovani che non lavorano», spiega Alessandro Rimassa, fondatore e direttore della scuola, «vogliamo formarli per le professioni che sono realmente richieste, hanno buone retribuzioni e richiedono talenti brillanti».

Seguendo questo spunto – creare cioè professionisti realmente connessi con il mondo del lavoro – il 20 luglio sono state aperte le selezioni per l’assegnazione di 6 borse di studio – del valore complessivo di 38.800 euro – per la partecipazione a E-commerceMaster, un master con 20 posti a disposizione destinati a laureati e professionisti con almeno due anni di esperienza, che prevede cinque mesi di full immersion e sei mesi di stage retribuito e garantito.

Con la partnership di Buzzoole – piattaforma innovativa che aiuta le imprese a generare passaparola sul web – e Stentle – piattaforma per lo sviluppo di soluzioni in ambito e-commerce – la TAG Innovation School offre un percorso che prevede un totale di 700 ore tra lezioni e project work assistiti, l’accesso continuo a Talent Garden Milano, l’iscrizione a vita a un servizio di Lifelong Placement, e la possibilità di partecipare per cinque giorni alla full immersion di Tag Barcelona Experience con le migliori aziende catalane del settore.

La didattica sarà impostata su otto moduli (project managementcustomer experiencestrategy, logistica…), durante i quali gli studenti dovranno progettare strategie di e-business, imparare le tecniche di comunicazione e approfondire gli aspetti legali: il tutto senza nessuna lezione frontale di tipo classico.

E-commerceMaster comincia a novembre, la selezione per le borse di studio – due delle quali coprono il totale dell’iscrizione mentre quattro il 50% della quota di partecipazione – si tiene, invece, il 30 settembre, durante una giornata che si articolerà in un workshop tematico, seguito da laboratori assistiti, dalla presentazione dei project work di gruppo e da momenti di networking con le aziende.

Il principale obiettivo di E-commerceMaster è formaree-commerce specialist e online store manageraltamente qualificati. Si tratta di due tra le nuove professioni digitali registrate da IWA, l’Associazione internazionale per la professionalità nel web, che ha individuato e classificato 21 figure di specialisti in ambito digitale. Questi due profili, spesso presentati insieme per via dell’ambiente operativo che li accomuna, sono in realtà molto diversi e richiedono abilità e competenze diverse.

L’e-commerce specialist è un profilo tecnico, unosviluppatore specializzato nella realizzazione di piattaforme web. Si occupa di sviluppare e adattare la piattaforma di vendita per le esigenze del cliente e il suo compito è dunque capire le necessità del titolare e integrarle nel negozio online. È sua precisa responsabilità garantire la riuscita della gestione delle operazioni di vendita.

L’online store manager, invece, è un vero e proprio capo-negozio virtuale. Ha funzioni molto simili a quelle che competono alla stessa figura in un negozio fisico, gestisce lo store da un punto di vista operativo e sceglie – insieme alla parte commerciale – le giuste strategie per la promozione online del sito, curando anche gli aspetti più “estetici” della vetrina virtuale. È necessaria una buona conoscenza dei CMS per la gestione dei contenuti e delle schede prodotto e può essere molto utile integrare le proprie competenze con conoscenze SEO e di web marketing.

In definitiva: una figura più tecnica da una parte, più orientata al mission commerciale e al customer relationship management dall’altra. In Italia, in cui la vendita online sta a prendendo piede solo ora, probabilmente si tende ancora a sottovalutare queste specificità, così come la necessità di competenze mirate e specifiche per aiutare le imprese a migliorare la presenza sul web. Occorrerebbe, invece, investire sulla formazione di nuove competenze, perché spesso è proprio la formazione di qualità a fare la differenza

Fonte : http://www.linkiesta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *